La Comunicazione Analogica e i vampiri mentali

Gli studenti dei nostri corsi di formazione acquisiscono la capacità unica di comprendere le ragioni dietro i comportamenti personali… e tu?
Attraverso la Comunicazione Analogica®, essi imparano a identificare immediatamente le vere intenzioni delle persone con cui interagiscono, pur mantenendo un sano scetticismo.
Noi dell’U.P.D.A. enfatizziamo l’importanza di questa competenza, che si rivela essere uno strumento prezioso per prevenire future delusioni sia in ambito affettivo che professionale.
Per distinguersi nel mercato del lavoro e nelle relazioni interpersonali, è cruciale affinare le nostre abilità persuasive.
Allo stesso tempo, è fondamentale proteggere il nostro equilibrio emotivo dagli attacchi esterni.

Dobbiamo evitare di disperdere energie vitali, che potrebbero essere dirette verso mete significative, a causa di relazioni, intraprese in buona fede, con persone che non rispondono ai nostri bisogni: i cosiddetti vampiri mentali.
Che si tratti di partner non idonei, colleghi problematici, falsi amici che sfruttano il nostro senso di colpa, familiari ingrati, relazioni pubbliche infruttuose o persone invidiose, questi “vampiri” mentali e talvolta anche economici, vanno evitati o resi emotivamente innocui.
Comprendere la Comunicazione Analogica® ci equipaggia per schivare queste trappole, offrendoci strumenti per sviluppare modalità di comunicazione innovative, capaci non solo di attrarre la persona dei nostri sogni, ristabilire un dialogo costruttivo con superiori, colleghi di lavoro o familiari, trasformando situazioni di disagio e frustrazione in opportunità di crescita, ma anche per sganciare emotivamente tutte quelle persone che non desideriamo nella nostra vita.
Migliorare le nostre capacità di relazionarci con la COMUNICAZIONE ANALOGICA® diventa così un obiettivo primario per il nostro benessere personale e professionale, aprendoci la strada a relazioni più soddisfacenti e a successi nel mondo del lavoro.
Se vuoi saperne di più, clicca sul link qui sotto: